Via P. Pasolini 27 doctor@studiodifino.com 3286261118

Legge di Bilancio 2017: tra le tante novità, riduzione del canone Rai, blocco agli aumenti dei tributi locali e delle accise, bonus cultura per i diciottenni anche nel nuovo anno

Dal 1° gennaio 2017 è in vigore la Legge di bilancio per l’anno 2017 (Legge n. 232 dell’11 dicembre 2016) pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 21 dicembre dello scorso anno.

Tra le nuove misure di rilevanza fiscale introdotte con la Legge di bilancio per il 2017, ricordiamo:

  • la modifica del regime agevolato previsto per i trasferimenti di immobili nell’ambito delle vendite giudiziarie (articolo 1, comma 32, Legge n. 232/2016). Tale regime prevede che le relative imposte di registro, ipotecarie e catastale siano dovute nella misura fissa di 200 Euro ciascuna. Tale disciplina potrà continuare ad essere applicata fino al 30 giugno 2017 (prima il limite temporale era fissato al 31 dicembre 2016). Inoltre, è allungato da due a cinque anni il periodo entro il quale l’acquirente imprenditore che ha usufruito dell’agevolazione dovrà ritrasferire l’immobile acquistato, pena il recupero delle imposte nella misura ordinaria, oltre all’applicazione di una sanzione amministrativa del 30 % e degli interessi di mora. Si ricorda che le agevolazioni fiscali per i trasferimenti immobiliari effettuati nell’ambito delle vendite giudiziarie trovano applicazione anche nel caso in cui l’acquirente dell’immobile non svolga attività d’impresa, ma abbia i requisiti per beneficiare delle agevolazioni “prima casa”. La proroga al 30 giugno 2017 vale anche per le agevolazioni operanti nei confronti degli acquirenti non imprenditori che acquistano come “prima casa”.
  • il riconoscimento della facoltà di effettuare un pagamento cumulativo della tassa automobilistica per le aziende che risultano essere proprietarie, usufruttuarie, acquirenti con patto di riservato dominio o utilizzatrici a titolo di locazione finanziaria di flotte di auto e camion (articolo 1, comma 38, Legge n. 232/2016). Si tratta di una facoltà che era già prevista per le imprese che concedono in leasing dei veicoli.
  • la riduzione del canone dell’abbonamento alla televisione per uso privato, dovuto per il 2017, da 100 Euro a 90 Euro (articolo 1, comma 40, Legge n. 232/2016).
  • la conferma per il 2017 della sospensione degli aumenti dei tributi locali e delle addizionali comunali e regionali (articolo 1, comma 42, Legge n. 232/2016). Potrà, invece, trovare applicazione la maggiorazione della Tasi disposta nel 2016.
  • l’estensione della possibilità di usufruire del “bonus cultura per i diciottenni” introdotto con la Legge di Stabilità per il 2016. L’agevolazione in questione potrà essere utilizzata, infatti, anche dai giovani che compiono 18 anni di età nel 2017 (articolo 1, comma 626, Legge n. 232/2016). La Carta elettronica, creata per usufruire di tale agevolazione, secondo quanto precisato nella Legge di Bilancio 2017, potrà essere utilizzata anche per l’acquisto di musica registrata, di corsi di musica, di teatro o di lingua straniera. Entro trenta giorni dall’entrata in vigore della Legge di Bilancio, dovrebbero essere apportate le necessarie modificazioni al regolamento di attuazione relativo a tale misura agevolativa.
  • la proroga dell’agevolazione del bonus per l’acquisto di uno strumento musicale da parte degli studenti iscritti ai conservatori di musica ed ai licei musicali. Si tratta di una misura che era stata introdotta con la Legge di Stabilità per il 2016. La nuova Legge di Bilancio per il 2017 prevede che, agli studenti iscritti ai licei musicali ed agli studenti iscritti ai corsi preaccademici, ai corsi del precedente ordinamento ed ai corsi di diploma di I e di II livello dei conservatori di musica, degli istituti superiori di studi musicali e delle istituzioni di formazione musicale e coreutica autorizzate a rilasciare titoli di alta formazione artistica, musicale e coreutica sia riconosciuto un contributo una tantum pari al 65 % del prezzo finale, per un massimo di 2.500 Euro, per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo, coerente con il corso di studi frequentato (articolo 1, comma 626, Legge n. 232/2016). In precedenza, era riconosciuto un contributo una tantum di 1.000 Euro, non eccedente il prezzo dello strumento musicale acquistato. Con un Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, che dovrebbe essere emanato entro trenta giorni dall’entrata in vigore della Legge di Bilancio, saranno definite le nuove modalità di attuazione dell’agevolazione in questione.
  • la soppressione della disposizione della Legge di Stabilità per il 2014 che prevedeva l’introduzione dal 2017 di aumenti delle accise (articolo 1, comma 632, Legge n. 232/2016).